L’acqua è una risorsa limitata e in alcune aree del mondo sempre più scarsa. Qual è la posizione delle aziende italiane in merito al risparmio idrico.

Se oggi sono milioni le persone a corto di acqua, concentrate soprattutto in aree cosiddette ‘povere’, piu in là negli anni saranno miliardi, in base alle previsioni della Banca Mondiale. Anche in Italia in vaste zone del Meridione le forniture sono spesso ridotte, per cui il risparmio idrico è un fattore essenziale, mentre al Nord si fanno sentire i primi conflitti tra agricoltori e settore idroelettrico. L’utilizzo sostenibile dell’acqua, quindi, è un punto importante in qualsiasi processo produttivo attento all’ambiente.

Indagini sulle aziende dall’ Italia e dal mondo.

Dall’indagine, che ha coinvolto imprese del settore idrico di varie parti del mondo, emerge che l’approvvigionamento idrico è indiscutibilmente un tema centrale, soprattutto in relazione all’efficienza dei consumi. Molte aziende hanno adottato misure ad hoc per il risparmio idirco e sarebbero portate a fare ancora di più. Per quanto riguarda l’Italia, c’è ancora molto da fare. Tra le aziende italiane intervistate poche ritengono che le problematiche relative all’acqua possano interessare le proprie strategie di business , mentre un’altra parte delle imprese non è nemmeno informata sulla legislazione in materia di acqua. Le attività intraprese per quanto riguarda il tema acqua riguarda soprattutto la misurazione e l’efficienza dei consumi  ma spesso sono spinte a farlo solo per rispettare le normative o  delle politiche interne .

Costi e soluzioni per il risparmio idrico.

In Italia l’acqua costa spesso meno di un euro al metro cubo, contro una media di 3 euro in Europa, ecco perché si propone da tempo di creare norme  per premiare l’efficienza idrica. Possibili soluziuni riguardano l’uso coscienzioso della risorsa suddetta attraverso piccoli gesti o l’utilizzo di tecnologie per ridurre i consumi come i filtri rompigetto Vigorfluss utili ad abbattere considerevolmente i consumi idrici nei punti d’acqua corrente siano essi domestici pubblici o privati.

Sguardo al futuro.

Per il futuro, emergono segnali di un maggiore impegno. Molte delle aziende italiane intervistate dichiara l’intenzione di aumentare gli investimenti in materia nei prossimi cinque anni. Le aziende che già hanno un occhio di riguardo verso questa tematica stanno ottenendo significativi vantaggi competitivi, come dimostrano i fatturati di società di alcune grandi aziende italiane Per le altre imprese, c’è ampio margine di miglioramento.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *